Categorie

Scottature: 3 consigli per non rischiare
10 GIU

Scottature: 3 consigli per non rischiare

scritto da: Farma Con Voi Letto: 1641 Commenti: 0

Siamo stati ad osservare le restrizioni per gran parte della primavera e, adesso che sono arrivate le belle giornate vogliamo subito recuperare il tempo che non abbiamo trascorso all’aria aperta.

In molti vogliono anche subito abbronzarsi, la fretta però è una cattiva consigliera, dato che una bella e salutare abbronzatura la si ottiene in maniera graduale, con le giuste precauzioni, anche per evitare di andare incontro a scottature.

La comune scottatura o ustione dovuta a un'eccessiva esposizione ai raggi UV, si presenta spesso quando non si applica un’adeguata protezione solare e si manifesta come un arrossamento della pelle. Può essere di grandezze diverse e, quando grave, può trasformarsi in eritema, causando prurito e gonfiore, così come bollicine, pustole o desquamazione.

Vi diamo tre consigli per scongiurarne la comparsa.

Protezione

Per i frettolosi dell’abbronzatura, ci teniamo a ricordare che la crema solare non è controproducente in questo senso, anzi, utilizzarla aiuta a prendere colore gradualmente e a mantenerlo più a lungo.

Al contrario, esporsi senza, porta a quel colore rosso, che è, per l’appunto, una scottatura, e che va via velocemente e in maniera disomogenea (lasciando macchie).

Per scegliere la giusta crema, bisogna valutare quei tratti che definiscono il proprio livello di fragilità al sole, ovvero gli occhi, l’incarnato e i capelli, grazie ai quali si possono definire fino a sei fototipi. Più alto è il proprio fototipo, più a lungo si potrà restare esposti ai raggi del sole prima che si presentino disturbi della pelle come eritemi e scottature.

I fototipi più sensibili sono quelli più bassi e che hanno bisogno di una protezione più alta.

Alimentazione e integrazione

Diversi principi presenti negli alimenti e negli integratori naturali possono dare manforte nell’ottenere una sana abbronzatura.

Dato che l’azione dei raggi uv stimola l’attività ossidante dei radicali liberi, bisogna fare il carico di antiossidanti, come le vitamina E, C, A, di minerali e di bioflavonoidi, presenti in buona parte della frutta e della verdura di stagione. Torna molto utile anche la luteina, abbondante nei pomodori, che fa aumentare la resistenza in caso di esposizioni prolungate, ed è utile anche per chi soffre di ipersensibilità cutanea.

Tra gli elementi più utili, spesso presenti negli integratori per la pelle, troviamo anche il beta carotene, presente in carote e albicocche, un pigmento vegetale precursore della vitamina A, che sostiene la produzione di melanina, regolatrice del colorito della cute.

La produzione di melanina può essere supportata anche con gli integratori di melanina stessa: riesce a porre un freno ai fenomeni di fotoinvecchiamento, fissa il colore dell’abbronzatura e le dona un aspetto salutare.

Buone pratiche

Anche quando si ha una pelle molto scura di base, oppure già abbronzata, è sempre importante, al fine di evitare scottature, seguire delle piccole buone pratiche, volte alla cura della salute della pelle, ma anche di tutto il corpo.

In primis è opportuno evitare di restare al sole nelle ore in cui i raggi solari raggiungono la loro intensità massima, ovvero dalle 11 alle 15: in questa fascia oraria è importante ripararsi all’ombra oppure optare per protezioni fisiche, quali cappelli e indumenti di cotone leggeri.

Anche quando sulla crema solare c’è scritto che è waterproof, è sempre benefico ri-applicarne uno strato dopo essersi tuffati per garantire una protezione completa.

Mantenere il corpo idratato, in ultimo, è fondamentale, dato che la pelle si idrata anche dall’interno, assumendo almeno 1,5 litri di acqua su base quotidiana.

Se vuoi approfondire l’argomento oppure porre qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.

Scrivi commento