Categorie

Maggio il mese del melanoma. Come prevenirlo - rischi e benefici del sole
12 MAG

Maggio il mese del melanoma. Come prevenirlo - rischi e benefici del sole

scritto da: Annalisa Letto: 63 Commenti: 0

Cos’è il melanoma?

Il melanoma è un tumore maligno della pelle che trova la sua origine nei melanociti, le cellule che hanno la funzione di produrre melanina, la sostanza responsabile del colore della pelle. Si tratta del terzo tumore più frequente al di sotto dei 50 anni e nel 20% dei casi si sviluppa in pazienti con età compresa tra i 15 e i 39 anni.

Fattori di rischio di tipo genetico-familiare

  • Familiarità con il Melanoma
  • Fototipo del soggetto (ossia il tipo di carnagione, determinato dalla qualità e quantità di melanina presente nella pelle; le persone con la carnagione più chiara hanno una maggiore sensibilità ai raggi ultravioletti della luce solare);
  • Presenza di un numero elevato di nei (oltre 100), oppure almeno 5 nei atipici e congeniti;
  • Malattie genetiche e immunosoppressione.


Fattori di rischio di tipo ambientale

Tra i benefici del Sole occorre sicuramente ricordare il suo ruolo importante per la maggiore produzione di Vitamina D da parte del nostro organismo, tuttavia vi sono anche dei rischi se non ci si espone nella maniera corretta. 
Infatti, il fattore di rischio più rilevante è l’esposizione solare, da evitare quindi le ustioni solari, soprattutto in età infantile, periodo durante il quale la pelle è più sensibile. 
Il sole emette energia sotto forma di radiazioni di diversa lunghezza d’onda. I raggi ultravioletti (UV) sono le radiazioni invisibili all’occhio umano che possono danneggiare la cute e causare alcuni tumori della pelle, tra cui il melanoma.

Prevenzione 

La prevenzione primaria è rivolta ad evitare alcuni fattori di rischio come l’eccessiva esposizione solare. E’ importante seguire alcune regole pratiche:

  • Evitare l’esposizione al sole nelle ore di massima irradiazione (11- 16)
  • Scegliere la protezione più adeguata al proprio tipo di pelle
  • Utilizzare sempre cappelli ed occhiali da sole con filtri UV
  • Se ci si espone per lungo tempo è opportuno coprirsi con indumenti
  • Nelle zone tropicali o in alta montagna, dove l’intensità dei raggi UV è più alta, utilizzare sempre prodotti con fattore di protezione superiore a 50
  • Limitare lutilizzo di lettini a raggi UVA artificiali, che presentano gli stessi rischi della radiazione solare naturale
  • Non esporre neonati e bambini al di sotto dei 3 anni al sole diretto: è necessario proteggerli sempre con cappello, occhiali da sole, t-shirt e creme solari con indice di protezione molto alto.

Scrivi commento